Intervento PRK

 599,00

L’intervento è eseguito con laser PRK ad eccimeri, di ultima generazione, Bausch&Lomb 217 Z100, utile per la correzione dei difetti della vista come miopia, astigmatismo e ipermetropia.

La PRK (Photo-Refractive Keratectomy) o fotoablazione corneale di superficie, si basa sull’ablazione dello stroma anteriore dopo rimozione dell’epitelio corneale tramite uno strumento apposito; l’epitelio si riformerà nell’arco di 3-4 giorni. L’intervento dura qualche minuto, compresa la preparazione del paziente, ossia l’anestesia della superficie corneale mediante l’instillazione di un collirio anestetico e la disepitelizzazione corneale. Al termine dell’intervento viene applicata sulla superficie corneale una lente a contatto terapeutica, con lo scopo di favorire la rigenerazione epiteliale e ridurre la sintomatologia dolorosa dei primi giorni. La lente viene generalmente rimossa al secondo controllo post-operatorio (solitamente dopo 5-7 giorni dall’intervento).

Descrizione

L’intervento è eseguito con laser PRK ad eccimeri, di ultima generazione, Bausch&Lomb 217 Z100, utile per la correzione dei difetti della vista come miopia, astigmatismo e ipermetropia.

La PRK (Photo-Refractive Keratectomy) o fotoablazione corneale di superficie, si basa sull’ablazione dello stroma anteriore. Di seguito le fasi dell’intervento:

  • Alcune gocce di collirio anestetico sono instillate nell’occhio da operare;
  • Il paziente si stende su un lettino dove un cuscino sagomato mantiene la testa nella posizione ideale, tutta la regione oculare viene disinfettata;
  • Viene applicato un blefarostato (uno strumento che serve per tenere aperte e ferme le palpebre);
  • Viene asportato l’epitelio corneale (lo strato più superficiale della cornea) mediante uno strumento smusso;
  • Il laser entra in funzione: si tratta di una radiazione invisibile e indolore e in questa fase il paziente è invitato a fissare un punto luminoso. I laser ad eccimeri moderni possiedono un sistema di puntamento (eye-tracking) che compensa i piccoli tremolii o spostamenti dell’occhio; se tali movimenti sono eccessivi o il paziente non “trova” il puntino luminoso il laser interrompe immediatamente la propria emissione;
  • La fase di applicazione del laser dura alcune decine di secondi e al termine del trattamento si procede alla medicazione con colliri ed all’applicazione di una lente a contatto terapeutica che dovrà rimanere in sede per 5-7 giorni per proteggere e favorire la ricostituzione dell’epitelio. La terapia post-operatoria consiste in colliri antibiotici, anti-infiammatori e lubrificanti/riepitelizzanti.

L’intera procedura (preparazione del paziente, allineamento, applicazione del laser, medicazione), per trattare due occhi, richiede all’incirca 15 minuti. L’intervento laser agli viene eseguito in un ambiente dove temperatura e umidità sono tenute ad un livello costante per consentire al laser di lavorare in massima sicurezza ed efficienza.

Il prezzo indicato si intende per il singolo occhio..